Biografia di Roberto Cavalli

Amici di Fashion Smile oggi desideriamo offrirvi la biografia di Roberto Cavalli è uno degli stilisti italiani più rinomati nel mondo. In questo post cercheremo di ripercorrere la vita e gli step professionali di uno dei più grandi stilisti ancora in circolazione.

Grazie alla sua bravura e al duro lavoro negli anni, Roberto Cavalli è riuscito a portare in alto il nome della moda italiana nel mondo attraverso gli abiti e le creazioni della sua maison di moda.

Infanzia complicata, una pesante eredità artistica di famiglia, un intuito particolare che lo porta a vedere la moda da un punto di vista più innovativo. La sua attività è frenetica e non priva di ombre e di scandali, eppure il marchio che ha creato è una garanzia e un valore che ancora oggi tutti cercano.

Biografia di Roberto Cavalli

Roberto Cavalli nasce il 15 novembre 1940 a Firenze. Purtroppo resta orfano di padre a soli 4 anni, frutto della guerra e di quel periodo storico davvero complicato. Il padre viene infatti ucciso dalla Wehrmacht nel 1944 nel paesino di Cavriglia, e per tal ragione Roberto cresce con la madre ed i nonni. Il nonno materno, Giuseppe Rossi, era un famoso pittore macchiaiolo e molte sue opere sono parte del patrimonio degli Uffizi ancora oggi.

Probabilmente da qui nasce il desiderio di Roberto Cavalli di studiare Arte specializzandosi nel settore delle applicazioni tessili della pittura. Trascorre la giovinezza creando e sperimentando e a soli 30 anni le sue idee vengono notate da stilisti famosi del calibro di Cardin ed Hermès.

 

La nascita del brand

Il suo esordio nella moda avviene nel 1970 al Salon du Prêt-à-Porter di Parigi dove presentò la prima collezione con il suo nome. Fu questo il momento in cui la sua moda “patchwork” e le sue idee uniche per la moda giovane vennero fatte conoscere al grande pubblico.

Nel 1972 aprì la sua prima boutique a Saint Tropez, allora meta di turisti e vip in cerca delle ultime tendenze moda. Nello stesso periodo porta in passerella a Palazzo Pitti di Firenze prima e a Milano Collezioni poi, alcune creazioni in jeans, che diverranno nel tempo il suo marchio di fabbrica. Infatti iniziano ad essere lanciati sul mercato dallo stilista italiano, i primi jeans denim stampati, fatti con intarsi di pelle, broccati e con stampe animalier.

Il primo successo è accompagnato da un matrimonio e dalla nascita dei figli Tommaso e Cristiana, ma poco dopo la coppia si sfalda. La seconda moglie è Maria Düringer una splendida modella arrivata seconda alle selezioni di Miss Universo nel 1978. Lei diverrà anche collaboratrice e compagna di ispirazione di Cavalli nella sua seconda fase di carriera. Tra interessi vari, la coppia produce una moda sportiva e giovanile che spopola negli anni Novanta. In particolare i “jeans sdruciti”, che però vengono invecchiati con una tecnica a sabbia calda pericolosa, che fu anche oggetto di discussioni e scandali.

Sfilate Roberto Cavalli

Nel 1998 Roberto Cavalli è presente in 36 Paesi del mondo e l’azienda è ormai un marchio dal valore indiscusso. Nel Duemila inizia una nuova avventura nella produzione di accessori che andranno a completare l’offerta rappresentata dal già ricco settore abbigliamento. Su tutti troviamo:

  • occhiali,
  • scarpe,
  • orologi
  • profumi

Lancerà inoltre il brand Just Cavalli, una linea giovanile con prezzi minori che che incontra subito un grande successo tra i giovani in Italia e nel mondo.

 

L’azienda oggi

Oggi l’azienda Roberto Cavalli non è più di proprietà dello stilista. Questa è stata infatti ceduta a ricchi fondi di investimento attraverso due passaggi distinti. La prima cessione vede l’acquisizione dell’azienda Roberto Cavalli al fondo Clessidra che successivamente, nel 2019, la cede alla Vision Investments azienda del miliardario di Dubai, Hussain Sajwani .

Pian piano quella che era una realtà tutta italiana e dedita all’artigianalità, scompare, dando vita anche a molte proteste dei suoi dipendenti. L’imprenditore, proprietario oggi del marchio, avvia un progetto volto alla creazione, tra le altre cose, di un serie di hotel di lusso, uno dei quali sorgerà proprio a Dubai.

Tornando alla maison, questa sperimenta ancora adesso idee geniali per una moda moderna, glamour e spesso anche di lusso. Il segno distintivo del marchio sono le stampe, in particolare l’animalier – il richiamo ai disegni delle pellicce animali – che nel 2019 è tornato fortemente di moda e dunque oggi ha rilanciato il suo stile.

Altre idee vincenti del marchio sono i patchwork, i lavori in pelle, i jeans. Per quanto riguarda l’espansione dell’azienda, oggi sono diversi i marchi che fanno capo a Cavalli. Basti ricordare: Class, Just Cavalli, RC Sport che porta avanti la seconda passione di famiglia. Lo sport e l’abbigliamento sportivo infatti sono importanti per questa maison, in particolare la passione per il mondo dell’equitazione che sembra quasi scherzare col nome stesso dello stilista.

Sono stati testimonial negli anni del brand Cavalli personaggi del mondo della moda, musica, sport, cinema, arte. Tra gli altri:

  • Shakira,
  • Sophia Loren,
  • Lady Gaga,
  • Beyoncé,
  • Rita Ora,
  • Lenny Kravitz,
  • David Beckham,
  • Jessica Stam,
  • Eva Riccobono,
  • Laetitia Casta,
  • Natasha Poly,
  • Mariacarla Boscono,
  • Karen Elson,
  • Karolína Kurková.

 

Conclusioni

Sperando che abbiate trovato interessante la biografia di Roberto Cavalli, vi consigliamo di seguire il blog per conoscere curiosi dettagli in merito ai migliori stilisti del mondo. Per qualsiasi domanda o maggiori informazioni  restiamo in attesa dei vostri preziosi suggerimenti.

Fateci sapere cosa ne pensate utilizzando lo spazio commenti sotto il post o tramite la pagina contatti.

Il nostro indirizzo email è: ciao@fashionsmile.it

Alla prossima con le migliori news dal mondo del fashion!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.